Condividi con:

Nella giornata di giovedì il mondo calcistico vallesano è stato scosso dalla decisione di Christian Constantin di licenziare in tronco nove calciatori che non hanno accettato il compromesso di ridursi lo stipendio mensile, pur essendo coscienti che stiamo vivendo un periodo di crisi totale a tutti i livelli

Così, dopo aver ricevuto delle critiche da parte di Lucien Valloni, Presidente della SAFP (Swiss Association of Football Players), riguardo l’unilateralità della scelta, il numero uno del club biancorosso ha affidato alle colonne del Blick una lettera, in cui ha cercato di spiegare chiaramente l’attualità e ciò che ci attende prossimamente:

«Stiamo preparando ospedali da campo per salvare vite umane. Stiamo per seppellire i morti senza un giusto rito. Stiamo scegliendo quelli che devono morire e quelli che possiamo salvare. Questo significa guerra. Non è una guerra comune. È una guerra sanitaria. Il risultato è lo stesso. Le persone muoiono o moriranno.

E lei cosa fa? Consiglia ai giocatori di non accettare lavori di breve durata. E per esporli al rischio che i loro contratti vengano risolti per buoni motivi e per cause di forza maggiore. Credo che lei, Signor Valloni, viva al di fuori della situazione attuale e futura. Al momento ho annullato solo nove contratti. Per evitare licenziamenti di massa ci vogliono dieci persone. Le regole sono più complicate e sono necessarie ulteriori riunioni.

Non voglio darle alcun consiglio. Ma se sarà il caso, me ne consenta uno: consiglierei agli altri giocatori sotto contratto di accettare la proposta del club. I calciatori attraverseranno una brutta fase, ma in seguito potranno riprendere a lavorare quando ritorneranno all’attività calcistica. E per quanto riguarda lei, quando il gioco si fa duro può prevenire i problemi.

Pertanto, il suggerimento che ha dato ai giocatori non è adatto alla situazione. Saremo felici di incontrarci per parlare dei giocatori di cui ho annullato i contratti. Sto aspettando il suo suggerimento. Ma osservi attentamente la situazione sanitaria, perché peggiorerà.

In amicizia. Christian Constantin».

(nella foto: Christian Constantin – © FC Sion)