Prima Lega, Gruppo 3, gol e spettacolo a non finire a Mendrisio: momò vincenti sull’Höngg; anche il Taverne chiude con il sorriso

scritto da Claudio Paronitti
FC Mendrisio vs SV Höngg, sabato 25 maggio 2024

Reti a raffica nell’ultima apparizione stagione di Mendrisio e Höngg

La 30a e ultima giornata della stagione agonistica del Gruppo 3 di Prima Lega Classic vede le due formazioni ticinesi militanti nella categoria assolvere i rispettivi impegni davanti al proprio pubblico

In contemporanea come vuole la tradizione, Mendrisio Taverne si sono congedati dai loro sostenitori, duellando contro gli zurighesi dell’Höngg e gli svittesi del Freienbach.

FC MENDRISIO vs SV HÖNGG 5:4 (4:0)

[3′ Stefano Gibellini 1:0, 10′ Riccardo Rossini 2:0, 13′ Riccardo Rossini 3:0, 30′ Stefano Gibellini 4:0, 58′ Yorbi Fondeur 4:1, 82′ Alexander Locher 4:2, 87′ Riccardo Bini 5:2 (rigore), 90′ Yorbi Fondeur 5:3, 90′ +1′ Carel Nguy Yi Boum Bitjél 5:4]

Partenza sprint per i ragazzi di mister Amedeo Stefani, avanti nel punteggio dopo appena tre giri d’orologio a seguito di un corner di Numa Felici e del colpo di testa vincente di Stefano Gibellini. Per l’attaccante italiano si tratta dell’undicesimo centro stagionale. Al decimo ecco il raddoppio: una conclusione centrale di Riccardo Rossini deviata da Tyron Pepperday spiazza il proprio portiere Aleksandar Travizuk. Tre minuti più tardi, si osserva il tris locale. In rete ci va ancora Rossini con una conclusione imparabile. Sesto gol in campionato per il robusto centrocampista. Si giunge poi al venticinquesimo e a un calcio di rigore parato da Aleandro Prati a Uchenna Anioke. Il penalty è concesso dall’arbitro Vasko Mavrov per un intervento giudicato irregolare di Stefano Cossu ai danni di Santos Lima. I padroni di casa sono scatenati e alla mezz’ora si registra la doppietta anche per Gibellini, il quale finalizza un’azione corale sull’asse Fabio Brancher-Rossini.

A un paio di minuti dal sessantesimo, gli zurighesi tolgono lo zero dalla casella concernente le reti segnate, con un colpo di testa di Yorby Fondeur su perfetta imbeccata di Benoit Bryand. Per una buona parte della ripresa nessun pallone supera i due estremi difensori. Poi, entrando nell’ultima decade – dopo la seguente curiosità: entrato a inizio seconda parte, Mario Gavranović esce per infortunio a un quarto d’ora dal termine. Il Mendrisio giostra di conseguenza in dieci il resto dell’incontro –  accade di tutto e di più. All’ottantaduesimo i confederati iscrivono la loro seconda rete, a porta vuota, con il neo-entrato Alexander Locher su assist perfetto di Anioke. Visto dimezzato lo scarto, i ticinesi riportano le distanze a tre con un calcio di rigore guadagnato dall’inesauribile Felici (il migliore in campo) e trasformato da Riccardo Bini. A due minuti dal termine avviene il debutto in Prima Lega per il portiere Filippo Gandolfi (classe 2003), che incassa la rete del 5:3, realizzata ancora di testa da Fondeur e ancora su assist di Bryand. In chiusura, al novantunesimo, Carel Nguy Yi Boum Bitjél realizza il definitivo 5:4.

AC TAVERNE vs FC FREIENBACH 2:0 (1:0)

[45′ +2′ Dušan Cvetković 1:0, 47′ FIlippo Grassi 2:0]

Le Aquile vanno in vacanza con il sorriso, l’ottavo pieno della stagione, e l’undicesimo posto finale a seguito del due a zero rifilato agli svittesi del Freienbach.

A decidere la sfida del Campo Comunale sono due reti messe a segno a cavallo della pausa di metà partita. La firma iniziale è di capitan Dušan Cvetković, in gol nei recuperi della prima frazione, mentre quella decisiva di Filippo Grassi, il quale supera Kai Brinker un paio di giri d’orologio dopo il rientro dalla pausa di un quarto d’ora per il thé.

Leggi anche questi...