Condividi con:

Al Vaduz vanno 3 punti in chiave salvezza. Un rigore ” molto ingenuo” condanna il Chiasso alla sconfitta.

 

Vaduz – Chiasso 1:0 (0:0)

Reti: 66′ Gajic (rigore) 1:0.

Vaduz: Hirzel; Sülüngöz,Wieser, Göppel;Brunner, Muntwiler,Gajic,Von Niederhäuser (63′ Vitija);Dossou (46′ Tadic), Prokopic (86′ Frick); Sutter (77′ Coulibaly).

Chiasso: Mossi; Alessandrini, Martignoni, Perico;Brivio, Charlier, Milosavljevic (88′ Nsiala), Adamczyk (66′ Gomes); Padula, Milinceanu, Josipovic (46′ Malinowski).

Note: Rheinpark,  1’417 spettytori. Arbitro: Nico Giaforte. Vaduz senza Bühler,  Drazan, Lüchinger,Mikus  (tutti inf.), Babic, Sele  (non convocati).  Chiasso privo di Bahloul, Lurati, Giorno, Guidotti, Maniconee  Pollero (tutti inf.).

Ammoniti:72′ Prokopic, 76′ Gomes, 79′ Alessandrini, 81′ Wieser.

Ci si aspettava un Chiasso grintoso e pronto a disputare una ” battaglia ” contro un diretto avverssario in chiave salvezza, ed invece la compagine sottocenerina ha deluso le attese. Non solo per via del risultato negativo, ma anche per una prestazione incolore e sottotono. Mai in partita, poco ispirati, raramente sono riusciti a farsi minacciosi sotto la porta della compagine del Liechtenstein.

Poi la rete che ha deciso la contesa è nata da una inutile spintonata in area di rigore di Perico nei confronti di un giocatore del Vaduz, quando il pallone stazionava a centrocampo. Un passo indietro, dopo le belle prestazioni fornite nelle ultime settimane. Mister Manzo aveva leggermente modificato la formazione, dando subito spazio a Josipovic e Adamczyk, al posto degli assenti per infortunio, Guidotti, Bahloul e Pollero. Ma la compagine rossoblù è parsa slegata e con poco ritmo. Con questo risultato staziona da sola, all’ultimo posto della classifica.

Urge subito la giusta reazione, il Wil che sarà il prossimo impegno del Chiasso, domenica 17 marzo, al Riva IV con inizio alle ore 14.30, non sembra un ostacolo insormontabile. A Mister Manzo trovare subito le giuste motivazioni  settimanali, per ricaricare le batterie ed essere subito pronti ad una reazione che tutti i tifosi  si aspettano