Le sconfitte parlano chiaro, chi perde ha sempre torto. Ma l’impegno non è mancato domenica pomeriggio al Chiasso, forse ancora una volta l’inesperienza ha avuto il suo peso. Ma a Chiasso non si molla!

Mickael Almeida – voto 4.5   Entrato a metà primo tempo, per sostituire l’infortunato Pollero, si fa subito notare per la sua voglia di giocare. Sfortunato nella fase finale della partita, quando un suo perfido rasoterra va a finire sul palo a portiere battuto. Poteva avere sicuramente miglior sorta. Con l’assenza di Marzouk e adesso forse anche quella di Pollero, potrebbe essere  lui la spalla ieale di Rossini, per trovare la via del goal.

Fabio Dixon – voto 4.5   Il ventenne difensore disputa una buona partita. Tra i difensori quello che ha avuto il rendimento più costante. Si fa trovare presente in qualsiasi azione che capita tra le sue parti. Conquista molti palloni e anche ispiratore di diverse azioni del Chiasso. Su di lui ci si può fare affidamento.

Alessandro Guarnone – voto 4+     Non era facile per il portiere italiano rientrare dopo una lunga assenza (inizio ottobre 2019), dapprima per infortunio, poi relegato in panchina. Chiamato a sostituire l’infortunato Jacot, risponde presente. Attento e pulito nei suoi interventi, nulla può fare sulle due reti subite. La prima su rigore, la seconda di Schneuwly era imparabile. Il Chiasso ha bisogno di lui.